• 19/04/2024

Business Angels Golf Association, start up in buca

 Business Angels Golf Association, start up in buca

Il 20 settembre, l’ultimo evento della Business Angels Golf Association ha presentato nove start up italiane in fase di aumento di capitale

Un’occasione alle porte dell’autunno che ha fatto incontrare investor e piccole-medie start up dal grande potenziale quella che la Business Angels Golf Association ha ideato presso il Golf Club di Tolcinasco, nell’hinterland milanese. A solo un anno dalla sua nascita, l’associazione organizza attività di networing per promuovere varie start up e nell’ultima nove sono state le aziende in aumento di capitale protagoniste al cospetto di investitori – golfisti, a margine di una gara individuale amatoriale 18 buche stableford.

Tra i quasi 150 ospiti intervenuti, anche la presenza di utili compagni di viaggio per le aziende in erba, come N1 Advisor, anche promotore di diverse iniziative imprenditoriali arrivate persino sul tavolo di Regione Lombardia proprio di recente. “Dall’idea alla messa a terra del progetto – ci racconta Davide Rossi, Business Developer di N1 Advisor – pensiamo alla definizione strategica del piano di sviluppo delle start up, alla ricerca di nuovi mercati, fino a farle diventare PMI. Al momento sono quelle che si dedicano al mondo hi-tech e alle energie rinnovabili le neoimprese che ci contattano”.

Lombardia Economy - Business Angels Golf Association, start up in buca

E tra i progetti sostenuti, non è mancato all’evento di B.A.G.A. OpenMall che disegna, con l’Intelligenza artificiale ed esperienze immersive 3D, un nuovo e-commerce virtuale, dove l’esperienza di acquisto (con applicativi iper-hi-tech in ambito VR e Blockchain) è nell’ambiente customizzato che crea attorno all’utente stesso. Non solo.

È una vera opportunità anche per il piccolo artigiano d’eccellenza che trova il suo spazio in una grande community e spiega i suoi prodotti in un modo totalmente diverso rispetto al passato” – ci spiega il founder della start up in fase di aumento di capitale Gennaro Calì.

Parlando di prodotti poi, LaOrange, forte di una linea di produzione di birre artigianali che entra nel mercato del beverage per lo sport (visto il prodotto a basso grado alcolico e ricco di oligoelementi e sali minerali): ora si punta al second round per aumentare l’espansione del prodotto su un periodo poi di tre anni, adottando modelli b2b e d2c. E “…nella fase nel quarto quadrimestre dell’anno, per questo investimento” – dice Daniela Bastianoni, Consultant Marketing Manager – la raccolta è di 300 mila euro”.

Presenti anche realtà di servizi nel travel. La COO Giulia Trombin (e Vicepresidente dell’Associazione Startup Turismo) di Sharewood, piattaforma per implementare digitalmente le esperienze taylor made nel proprio viaggio, ha illustrato lo sviluppo di una piattaforma dedicata alla travel designer experience collegata anche ad un Academy interna, ormai alla settima edizione, per la formazione di nuovi consulenti di viaggi esperienziali. Un progetto in fase di fundraising che punta al milione di euro.

Soluzioni in arrivo anche da Quindi che interviene sui flussi di lavoro di un’azienda, ideando un co-pilot trasversale della produzione e dei processi interni, capace di interfacciarsi sia sulla parte manageriale che con operatori e macchine, in tempo reale, al fine di ottimizzare sforzi e massimizzare risorse per raggiungere l’obiettivo. Quello della start up è invece di raccogliere fondi per uno sviluppo previsto fino al 2027 che nel prossimo round mira ad un milione e mezzo di euro di capitale.

L’evento promosso da Business Angels Golf Association tra i green di Tolcinasco ha anche proposto l’indoor greenhouse anche di Tomato+, impresa nascente che invece punta ad ottimizzare la produzione a cm0 di germogli di piante aromatiche nelle cucine degli chef dell’Ho.Re.Ca. Un progetto che ottimizza sostenibilità e produzione e si apre alla fiducia di business angels che credono in questa scelta.

BlockInvest invece, già supportata Crédit Agricole Italia, Indosuez W.M., Illimity e Deloitte, prevede la realizzazione di una piattaforma per banche e istituti finanziari volti a emettere strumenti di debito tokenizzati su una blockchain ora pubblica, e anch’essa con una prospettiva di aumento di capitale.

Lombardia Economy - Business Angels Golf Association, start up in buca

La padovana Oraigo invece, sulla base di parametri biometrici e l’AI, punta la sua attività sulla sperimentazione di apparecchiature capaci di prevenire colpi di sonno alla guida di veicoli. Rappresentando l’evoluzione futura dei dispositivi già in uso, i mercati cui strizza l’occhio questo headband intelligente sono non solo l’automotive ma anche il settore pubblico dei trasporti e le aziende dell’healtcare. L’obiettivo di Michele Galetta, CEO di Oraigo, è quello di raccogliere tre milioni per i prossimi step fino alla transizione da piccola scala a produzione di massa.

Figlia dell’era post-Covid l’idea delle voting rooms che, sulla scia del modello Rousseau, porta la piattaforma ideata da Camelot (ossia dai fondatori Davide Casaleggio ed Enrica Sabatini) alla completa e certificata gestione di ogni processo deliberativo. Pensata sia a privati che ad enti pubblici ed amministrativi e contando già sui 150 mila euro del partner tecnologico Call2Net, la neo Società Benefit oggi punta ad una raccolta di capitali di 500 mila euro che quindi possono essere inseriti nel bilancio sociale di chi investirà in essa.

Analogamente volta a nuovi ingressi di capitali anche Med58, start up romana che si occupa di sanità digitale e telemedicina. Affrontando il complesso gap che esiste dopo una prestazione sanitaria nelle strutture cliniche ed ospedaliere italiane, segue il paziente nel prezioso follow up, sviluppa con l’intelligenza artificiale l’elaborazione dei dati sanitari raccolti e colma vuoti comunicativi nel flusso dei dati prodotti dal paziente.

In un mercato in cui la spesa pubblica pesa mediamente per il 60% sui bilanci regionali e un mercato assicurativo e farmaceutico in crescita, i founder Raffaele e Andrea Nudi, hanno visto la collaborazione finora sia in ambito privato che pubblico e puntano una raccolta di capitali pari a un milione e 500mila euro, con la previsione di chiudere il prossimo round entro l’anno.

Leggi altre notizie su eventi e fiere di settore

Antonella Tereo

Giornalista specializzata in attualità, lifestyle e turismo

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche