• 24/06/2024

Con maisonFire il camino si riscopre green

 Con maisonFire il camino si riscopre green

maisonFire

Il camino si riscopre green e smart e si fa sempre più strada nel mercato del design

Qual è quell’elemento di arredo che rende immediatamente più accogliente un ambiente? Qual è quel dettaglio che rimanda al calore della famiglia e dello stare insieme? Oggi come ieri la risposta è sempre il camino. Le nuove abitazioni energeticamente efficienti, unite agli stili di vita moderni hanno determinato un’evoluzione del caminetto tradizionale, che oggi è inteso in chiave green e smart, senza il vincolo della canna fumaria, per adattarsi anche alle limitazioni degli appartamenti di città. I camini elettrici, elettrici ad acqua o a bioetanolo sono presenti oggi in migliaia di abitazioni, con una doppia valenza: per puro scopo decorativo, ma anche per donare tepore all’ambiente che li ospita.

Quello dei camini senza canna fumaria in Italia è un mercato di nicchia, ma con interessanti prospettive di crescita. L’azienda di Carate Brianza, maisonFire (sito web), grazie all’intuizione del suo fondatore Alessandro Gatti, ha di fatto contribuito a creare un segmento nel mondo del design italiano che mancava. Era il 2009.

Oggi il Gruppo maisonFire conta un fatturato di 9 milioni (tra distribuzione e negozi diretti), in crescita costante (+ 7% rispetto agli 8,4 milioni del 2021). Quando iniziammo a proporre i camini senza canna fumaria in Italia, il mercato era oltremodo marginale, mentre nei Paesi del Nord Europa raggiungeva il 70% della quota  complessiva. Volevamo offrire un prodotto che fosse esteticamente bello, ma anche sicuro e performante, per allontanare l’idea del caminetto senza canna fumaria cheap e per niente bello a vedersi – racconta il fondatore Alessandro Gatti. L’offerta di prodotti che avessero un design curato e un’assistenza pre e post acquisto dedicata ci ha permesso di crescere sia a livello nazionale che oltre confine. La quota di export si aggira oggi intorno al 15%, e coinvolge Paesi come Portogallo, Svizzera, Dubai, India, Est Europa (in particolar modo, fino a prima della guerra l’Ucraina) e Africa. All’estero, oltre al design italiano, viene apprezzata la duplice valenza dei nostri caminetti, che sono sia decorativi che riscaldanti”.

Commercializziamo circa 5000 caminetti senza canna fumaria l’anno; la domanda del mercato è tale da assorbire completamente la produzione. Dopo aver faticato molto nel 2021 con le consegne, ora siamo tornati in linea con lo standard dei tempi di attesa per quasi tutti i modelli” prosegue Gatti.

Oltre ai privati, è in forte crescita la domanda da parte del mondo dell’hôtellerie e degli spazi ricettivi. I nostri caminetti vengono scelti per la loro versatilità d’uso che lascia ampio margine d’azione alla creatività di interior designer e architetti. Spesso vengono  integrati, da parte di grandi brand brianzoli dell’arredo, all’interno delle loro soluzioni di design per offrire un ulteriore valore aggiunto al cliente. L’obiettivo di maisonFire è di continuare a crescere per soddisfare una domanda che oggi è 3-4 volte superiore alla produzione, e di farlo senza rinunciare alla cura e alla qualità dei servizi offerti conclude il fondatore Alessandro Gatti.

Con maisonFire il camino si riscopre green
Alessandro Gatti

 

Leggi altri articoli: in Primo Piano – dalle Imprese Lombarde

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche