• 30/11/2022

I robot più avanzati al mondo al Wmf 2022

 I robot più avanzati al mondo al Wmf 2022

Per la prima volta arrivano il cane robot Spot e gli umanoidi Sophia e iCub

Al Wmf2022, dal 16 al 18 giugno presso la Fiera di Rimini, la robotica torna grande protagonista.

Fra stage formativi, speech sul Mainstage e momenti di intrattenimento a tema, anche questa edizione del Wmf dedica particolare attenzione alla robotica, portando a Rimini per la prima volta modelli avanzatissimi di robot provenienti da tutto il mondo.

Saranno dunque tante le opportunità che appassionati e operatori del mondo della robotica potranno cogliere durante la tre giorni del Festival. Tra gli ospiti già annunciati grande attesa per il celebre cane robot Spot, della Boston Dynamics, presente in fiera con ben due dei pochissimi esemplari esistenti in Europa.

L’attesissima partecipazione si deve al coinvolgimento della Digital Library del Ministero della Cultura che, presente in Area Espositiva con uno stand dedicato, a cura del segretariato generale, esporrà al suo interno proprio il modello impiegato nel Parco archeologico di Pompei per attività di monitoraggio dei relativi siti archeologici. Il modello è stato acquisito nell’ambito del progetto del parco che coinvolge aziende di Information Technology come Leica Geosystems e Sprint Reply, al fine di impiegarlo in lavori ed ispezioni impossibili o pericolose per l’uomo. I partecipanti potranno quindi osservare da vicino il quadrupede più versatile al mondo e interagire con esso all’interno dello stand del Ministero della Cultura, dove troveranno diverse altre attrazioni nate dalla sinergia tra cultura, digitale e innovazione.

Un secondo esemplare di Spot sarà presente invece nell’ambito della partecipazione del Regional Center of Excellence for robotics Technology di Zagabria e del suo Direttore, il Professor Bojan Jerbić, già coinvolto durante la tappa croata del Wmf International Roadshow dello scorso marzo, che illustrerà ulteriori applicazioni del quadrupede della Boston Dynamics.

Metaverso, health e robotica è l’intreccio che descrive invece iCub, il robot umanoide nato da un progetto europeo open source e sviluppato dall’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit). Già protagonista del documentario realizzato nel 2019 dal Wmf “Il futuro dell’uomo nei luoghi dell’innovazione -il Wmf all’Iit”, disponibile a questo link, e oggetto degli interventi delle edizioni passate realizzati dai ricercatori dell’Iit Daniele Pucci (Wmf 2019) e Alessandra Sciutti (Wmf 2020 – novembre), iCub sarà presente fisicamente al Wmf 2022: un’occasione in più per appassionati e curiosi di vederlo da vicino e comprenderne le incredibili potenzialità applicate al mondo della ricerca e della salute.

Grande attesa anche per la presenza di Sophia, il robot umanoide più avanzato al mondo che, per l’occasione, arriverà a Rimini direttamente da Hong Kong, quartier generale della casa produttrice Hanson Robotics Limited. Per la prima volta dal vivo, dopo la sua partecipazione da remoto al WMF Online special edition di giugno 2020, anche Sophia porterà al Festival un concreto esempio delle evoluzioni della robotica e dell’intelligenza artificiale e darà l’occasione ai partecipanti di interagire con lei durante momenti dedicati.

Diretta conseguenza del format unico del Wmf che abbina formazione ed educazione a momenti di show e intrattenimento, anche il tema della robotica verrà trattato trasversalmente, integrando all’analisi formativa e agli speech ispirazionali anche esibizioni live realizzate da robot musicisti. Sarà la band One Love Machine, la cui formazione è unicamente composta da macchine, ad animare diversi momenti in Area Espositiva. Il gruppo oltre a dare prova della sempre più avanzata applicazione della robotica al mondo dell’intrattenimento, saprà divertire i partecipanti e incuriosire anche riguardo le tematiche del riciclo e della sostenibilità. Il gruppo è infatti formato da robot realizzati con materiali metallici riciclati.

Ospiti internazionali, robot avanzati, formazione e intrattenimento: al Wmf 2022 si traccerà non solo lo stato dell’arte della robotica odierna, ma se ne delineeranno le prospettive di sviluppo future. Appuntamento dal 16 al 18 giugno alla Fiera di Rimini.

Leggi anche