• 28/05/2024

Il futuro del lavoro

 Il futuro del lavoro

Carla Maspetri

Intervento di

Carla Masperi, amministratore delegato, SAP Italia

Il vento soffia sul mercato del lavoro. Negli ultimi anni le imprese si sono ritrovate a gestire una crisi dopo l’altra. Il cambiamento climatico, la pandemia, l’inflazione galoppante, e il divario di competenze stanno avendo un impatto significativo sul pianeta, le catene di approvvigionamento, la vita delle persone

I fenomeni definiti “Great Resignation” e “Quiet Quitting” sono sempre più evidenti, e richiamano l’attenzione dei manager d’azienda, non solo della divisione Risorse Umane. Queste tendenze richiedono alle organizzazioni di diventare più agili e resilienti che mai. Allo stesso tempo, le imprese di ogni settore, ogni dimensione e ogni geografia competono nell’identificare, attrarre e mantenere i giovani talenti.

Sono sensibilmente cambiate le dinamiche all’interno di un’organizzazione: i giovani chiedono all’azienda un allineamento con i propri valori personali, per sentirsi realmente realizzati nella loro professione, chiedono trasparenza, comportamenti etici e pratiche sostenibili. Insistono nel cercare un ambiente lavorativo la cui cultura consenta loro di acquisire nuove competenze, svolgere progetti diversi e portare tutto il loro sé sul luogo di lavoro.

Sono più determinati nel gestire in autonomia la propria carriera in base ai propri interessi e punti di forza, e di fare veramente la differenza. Vogliono la libertà di scegliere dove, quando e come lavorare, e giustamente si aspettano sostegno per la loro salute mentale e fisica.

Questo è esattamente l’equilibrio che i leader e le organizzazioni devono trovare oggi: creare un ambiente inclusivo cui le persone sentano di appartenere. Ciò include anche la ricerca del giusto equilibrio tra il lavoro a distanza e l’attività d’ufficio, tra autonomia e collaborazione in team, e tra responsabilità e riconoscimento.

Tenere il passo con il cambiamento

La tecnologia è fondamentale per superare le sfide più pressanti di oggi, ma da sola non basta, sono necessarie anche nuove competenze.

Secondo il World Economic Forum, entro il 2025 le innovazioni tecnologiche sostituiranno 85 milioni di posti di lavoro esistenti e creeranno 97 milioni di nuove professioni. Le aziende competono sempre più spesso per data scientist, esperti di cybersecurity, specialisti di sistemi. Le sole competenze digitali, tuttavia, non sono sufficienti. Altrettanto importanti sono la risoluzione dei problemi, l’imprenditorialità e le competenze interpersonali. Dobbiamo andare oltre il miglioramento delle competenze e la riqualificazione, e guardare agli esseri umani nel loro insieme. È grazie alla creatività che possiamo risolvere problemi complessi, è l’apprendimento attivo che ci permette di adattarci ai cambiamenti di mercato, ed è la collaborazione che unisce le competenze complementari.

Quanto più complessi sono i problemi del mondo, tanto più sono necessari insiemi di competenze complementari per risolverli. Ecco perché è così importante rafforzare la diversità dei team e promuovere l’innovazione insieme.

Mettere le persone al centro

Tutti questi sviluppi hanno una cosa in comune: richiedono un tipo di organizzazione che metta al centro le persone, con i loro stili di lavoro, capacità e interessi unici e mutevoli. Richiedono alle aziende di passare dalla gestione del capitale umano alla gestione dell’esperienza umana (Human Experience Management, HXM).

Quando le aziende smetteranno di vedere le loro persone come risorse, e inizieranno a coinvolgerle per le loro esperienze, passioni e ambizioni, non solo saranno in grado di trattenere, ma anche di far crescere i talenti migliori.

E in questo senso la tecnologia aiuta. Ad esempio le nostre soluzioni per l’HXM offorno alle organizzazioni gli strumenti di cui hanno bisogno per liberare tutto il potenziale delle loro persone e creare una forza lavoro resiliente e sostenibile. Queste soluzioni trasformano il sistema dei talenti in una forza lavoro pronta per il futuro, che copre l’intero ciclo di vita del talento. Non si tratta più infatti di hire-to-retire ma di hire-to-growth.

Per approfondimenti: SAP Italia

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche