• 05/12/2022

Il sistema camerale lombardo entra a far parte dei soggetti attuatori del Pnrr

 Il sistema camerale lombardo entra a far parte dei soggetti attuatori del Pnrr

Unioncamere Lombardia e le Camere di commercio lombarde potranno così dare il proprio contributo alle amministrazioni centrali

Il sistema camerale lombardo potrà essere coinvolto direttamente nella realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Lo stabilisce il decreto legge “Recovery” (152/2021) che estende alle Unioni regionali e alle Camere di commercio industria artigianato e agricoltura il ruolo di soggetto chiamato a dare attuazione al Pnrr per assicurarne l’efficace e tempestiva realizzazione e implementazione.

Infatti, le modifiche al decreto legge 77/2021 sulla governance del Pnrr del decreto Recovery, la cui legge di conversione è entrata in vigore il 1° gennaio scorso, stabiliscono espressamente che le amministrazioni centrali, regionali e locali possono avvalersi del supporto tecnico-operativo anche degli enti del sistema camerale.

Unioncamere Lombardia e le Camere di commercio lombarde potranno così dare il proprio contributo alle amministrazioni centrali, a Regione Lombardia e agli enti locali titolari dei programmi del Pnrr, per l’attuazione dei progetti attraverso la propria rete territoriale.

“In Lombardia abbiamo in corso da tempo una collaborazione strategica istituzionale con Regione Lombardia grazie all’accordo per la competitività che coinvolge anche gli altri Enti locali e che ci consente di mettere a terra le risorse destinate all’economia e alle imprese del territorio”, ha dichiarato il presidente di Unioncamere Lombardia Gian Domenico Auricchio.

“Ora con questa esplicita previsione di coinvolgimento delle Camere di commercio e delle Unioni regionali viene riconosciuta e confermata anche dal Governo l’importanza del ruolo del sistema camerale a supporto delle amministrazioni nel rafforzare il tessuto imprenditoriale e dare attuazione al Pnrr”.

Leggi anche