• 03/10/2023

Ricerca e Sviluppo Priorità Strategiche – Intervista a Diana Bracco

 Ricerca e Sviluppo Priorità Strategiche – Intervista a Diana Bracco

Diana Bracco

Ricerca e Sviluppo priorità strategiche – Intervista a Diana Bracco, presidente e amministratore delegato del Gruppo Bracco

Diana Bracco, presidente e amministratore delegato del Gruppo Bracco, ci parla delle strategie principali per favorire la crescita dell’azienda farmaceutica leader nel settore della diagnostica per immagini: investire con tenacia in ricerca e sviluppo

Con un fatturato consolidato di oltre 1,7 miliardi di euro, oltre 3.700 dipendenti e oltre 2.000 brevetti, il Gruppo Bracco si posiziona a livello mondiale tra le aziende leader specializzate nella diagnostica per immagini. Fondata da Elio Bracco nel 1927, l’azienda farmaceutica investe ogni anno in ricerca e sviluppo oltre il 10% del proprio fatturato di riferimento. Bracco Imaging SpA, parte del Gruppo Bracco, è il principale fornitore mondiale di mezzi di contrasto.

Le soluzioni per la diagnostica per immagini sono sviluppate da Bracco Imaging, con sede a Milano. Portafoglio di prodotti e soluzioni per tutte le principali modalità di imaging: imaging a raggi X (tra cui tomografia computerizzata-TC, radiologia interventistica e cateterismo cardiaco), imaging a risonanza magnetica (MRI), ultrasuoni con mezzo di contrasto (CEUS) e medicina nucleare per informare la gestione clinica e guidare l’assistenza ai pazienti oncologici in aree di necessità mediche insoddisfatte. Il portafoglio di prodotti in crescita è completato da una gamma di dispositivi medici, sistemi di somministrazione avanzati e software di gestione della dose.

La società opera direttamente o indirettamente in più di 100 mercati in tutto il mondo attraverso filiali, joint venture, licenze e accordi di partnership di distribuzione. Bracco Imaging ha una forte presenza in aree geografiche chiave come Nord America, Cina, Europa, Giappone, Brasile, Messico e Corea. Gli impianti di produzione di Bracco Imaging sono completamente gestiti secondo le migliori pratiche e processi di produzione sostenibili ed ecocompatibili. Gli stabilimenti di produzione si trovano in Italia, Svizzera, Germania, Canada, Cina e Giappone. Bracco Imaging dispone di un’organizzazione di Ricerca e Sviluppo (R&S) innovativa altamente qualificata con un efficiente approccio orientato al processo e una comprovata esperienza nel campo della diagnostica per immagini. Le attività di ricerca e sviluppo sono dislocate in tre centri in Italia (Colleretto Giacosa), Svizzera e Stati Uniti.

La Fondazione Bracco ritiene che la scienza sia strettamente correlata non solo alla ricerca, alla prevenzione e allo sviluppo sostenibile, ma anche alla parità di genere. In questo contesto, ha lanciato un progetto complesso, “100 Women Against Stereotypes”, che attraverso un database, una serie di libri e una mostra fotografica mira a focalizzare l’attenzione sulle competenze delle donne nella scienza e nei settori strategici, donne che contribuiscono, quindi, allo sviluppo del Paese.

Quanto è importante per voi l’innovazione?

«Ricerca e Sviluppo per noi sono da sempre priorità strategiche. Complessivamente, gli investimenti che abbiamo destinato nell’ultimo anno alla ricerca sono stati di 161,5 milioni di euro, pari a circa il 10 % dei ricavi.

Puntare sull’innovazione, anche in momenti difficili come quello attuale, caratterizzato dagli effetti combinati di pandemia e guerra in Ucraina, rimane il modo migliore per favorire la crescita futura dell’azienda».

Quale è stata la vostra migliore innovazione nel 2022?

«Anche quest’anno Bracco ha dimostrato di saper innovare, ottenendo l’approvazione regolatoria negli USA per il Gadopiclenolo, mezzo di contrasto di nuova generazione per l’Imaging a Risonanza Magnetica (MRI) sviluppato con un approccio di opening innovation. Questo conferma non solo il nostro impegno nella ricerca, ma anche la capacità di esecuzione dei nostri programmi tesi a plasmare il futuro della prevenzione e della diagnostica per immagini di precisione. Bisogna tener conto, infatti, che l’innovazione nel nostro settore ha tempi di sviluppo particolarmente lunghi».

Cosa prevedete per il 2023?

«Fare previsioni di questi tempi è davvero difficile. L’elevato tasso inflazionistico, le tensioni sui prezzi delle materie prime e l’acuirsi degli aumenti dei costi delle commodities hanno effetti pesanti sui bilanci aziendali. Le imprese italiane stanno comunque facendo la loro parte e saranno pronte a cogliere la crescita prevista nel secondo semestre».

Per approfondimenti:

Sito di Bracco

Leggi altre Opportunità di Business

Giorgio Nadali

Giornalista, formatore, coach, scrittore

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche