• 20/05/2024

Lombardia regione più innovativa d’Italia

 Lombardia regione più innovativa d’Italia

Ambrosetti Regional Innosystem Index 2023: è la Lombardia la regione più innovativa d’Italia

La capacità di produrre innovazione rappresenta un fattore di crescita e competitività di un sistema-Paese, ed è proprio questo l’obiettivo dell’analisi dell’Ambrosetti Innosystem Index (AII), individuare l’indice sintetico che compara la performance innovativa dei principali ecosistemi al mondo e dell’Italia, indice che nonostante qualche voce positiva mostra un’Italia ancora indietro nella corsa dell’innovazione collocandola quartultima e decisamente distante da altri paesi come Regno Unito, Austria, Francia e Germania. L’indice ha confrontato 22 Paesi ad alta performance innovativa prendendo in considerazione i dati degli ultimi tre anni disponibili mediante l’analisi di 18 indicatori.

Salva solo la Lombardia

La critica riguarda in particolare la scarsità di investimenti delle imprese in ricerca e sviluppo e l’incapacità di sviluppare un ambiente attrattivo per investimenti e nuovi talenti, oltre alla mancanza di visioni a lungo termini che coinvolgano le università. Un quadro generale decisamente poco stimolante. Per la prima volta l’analisi ha coinvolto le regioni mostrando un divario notevole tra Nord E Sud Italia. Migliore regione d’Italia è la Lombardia, al 31° posto in classifica generale, ma le regioni del Mezzogiorno si aggiudicano gli ultimissimi posti come la Calabria in 186ª posizione.

La Lombardia vanta 1.547 domande di brevetto presentate all’European Patent Office, un indicatore importante perché quantifica i risultati del processo di innovazione. Pochi nel quadro complessivo: per fare un paragone Bayern ha presentato 7.656 domande.

Valerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House – Ambrosetti, sottolinea come pur spiccando per ricercatori d’eccellenza l’Italia fatichi ad emergere, lo dimostrano i pochi brevetti registrati, un risultato davvero infelice soprattutto perché direttamente causato dall’incapacità del Bel Paese di sviluppare ambienti di lavoro e ricerca attrattivi per investimenti.

Un’analisi da prendere seriamente per evitare la fuga di cervelli, soprattutto se andiamo a guardare la posizione dell’Italia nel settore dell’’efficacia dell’ecosistema innovativo, è al decimo posto, e nel settore dell’efficienza e la qualità̀ della ricerca accademica, 4° posto: ottimi posizionamenti, ma non bastano.

Veneto fuori dalle prime 100 posizioni

Stupisce, e non poco, la posizione del Veneto esclusa dalle prime 100 posizioni, in 101° posizione, decisamente lontana dalla regione danese Hovedstaden, quella francese dell’Ile de France e quella svedese di Stoccolma, in testa alla classifica. Nonostante tutto, il Veneto risulta la quinta regione italiana con l’ecosistema dell’innovazione più sviluppato ed efficiente, con un punteggio di 4, dietro a Lombardia, Emilia-Romagna e Provincia di Trento, la nona regione italiana per investimenti in attività di Ricerca e Sviluppo, el’undicesima per numero di lavoratori impiegati nel settore ricerca e sviluppo rispetto al totale della forza lavoro.

Cosa fare per innovare meglio

Pregio dell’analisi riportata sta nel trovare possibili soluzioni per sostenere l’ecosistema italiano dell’innovazione:

  • massimizzare il potenziale di innovazione, aumentando le risorse per la ricerca;
  • tradurre la ricerca in innovazione, facilitando i processi di trasferimento della conoscenza dalla ricerca alle imprese;
  • trasformare l’Italia in un “Paese per unicorni”, favorire il lancio di startup;
  • lanciare un New Deal delle competenze, sostenere programmi per la formazione continua. 

 

Leggi altri articoli: in Primo Piano – in Vetrina

Anna Fogarolo

Copywriter, scrittrice, esperta comunicazione digitale

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche