• 17/07/2024

Riabilitazione Tech grazie a QuicklyPro

 Riabilitazione Tech grazie a QuicklyPro

La mission di QuicklyPro è mettere a disposizione le conoscenze e le competenze tecniche dei fisioterapisti, per sviluppare strumenti e servizi unici e facili da usare, in grado di liberare il movimento e cambiare la vita delle persone con disabilità motorie

La fisioterapia oggi ha acquisito un’importanza strategica, in particolare nella gestione delle patologie neurodegenerative, grazie a un approccio integrato con le cure farmacologiche e/o chirurgiche. In questo contesto, nel 2018, è nata in provincia di Bergamo QuicklyPro (sito web), una med-company innovativa, che unisce l’esperienza di 3 fisioterapisti, a tecnologie innovative, che mirano a supportare le persone con disabilità motorie e non solo, semplificando la loro quotidianità.

Q-Walk è una delle innovazioni messe a punto da QuicklyPro, un wearable device che accompagna nel percorso riabilitativo al cammino le persone affette da disturbi della deambulazione, causati soprattutto da patologie cronico-degenerative, o da interventi chirurgici ortopedici.

Lombardia economy - Riabilitazione Tech grazie a QuicklyPro
Niccolò Sala

Ne abbiamo parlato con Niccolò Sala, Ceo QuicklyPro.

QuicklyPro si definisce una Med-Company innovativa. Quando è nata e quali sono gli elementi di innovazione che la contraddistinguono?

“QuicklyPro nasce dall’idea di 3 fisioterapisti, nel 2018, con l’obiettivo di portare la riabilitazione del cammino a casa del paziente con la presenza costante da remoto del fisioterapista. L’innovazione che contraddistingue i prodotti, gli strumenti e i servizi di QuicklyPro è il concetto di semplicità: facile utilizzo per pazienti e professionisti, ovviamente con una base clinica forte e basata sull’evidenza e sull’efficacia”.

Qual è la mission di QuicklyPro?

“La mission di QuicklyPro è mettere a disposizione le conoscenze e le competenze tecniche dei fisioterapisti, per sviluppare strumenti e servizi unici e facili da usare, in grado di liberare il movimento e cambiare la vita delle persone con disabilità motorie.

Riguardo alla vision invece, vuole affermarsi quale punto di riferimento per la riabilitazione domiciliare e di prossimità, con il paziente sempre al centro. Un’azienda innovativa e scientifica che offre prodotti e servizi volti a migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità”.

Tra i servizi tecnologici per la salute che sviluppa QuiklyPro, c’è un nuovo strumento riabilitativo, Q-Walk. Come funziona e quali sono i vantaggi in termini di innovazione e fruibilità per i fisioterapisti da un lato, e i pazienti dall’altro?

“Q-Walk è un dispositivo indossabile, connesso a Piattaforma e App, facile da usare sia per il paziente che per il fisioterapista, per la riabilitazione e il monitoraggio dei deficit motori degli arti inferiori, della deambulazione e dell’equilibrio. È pensato per essere integrato all’interno di un piano riabilitativo completo. Sfrutta la proiezione di feedback visivi personalizzabili, per guidare il movimento, favorire l’engagement e migliorare il successo terapeutico. Promuove il continuum di cura domiciliare, semplificando la riabilitazione della deambulazione e dell’equilibrio e favorendo una comunicazione rapida ed efficace tra paziente e specialista. La tecnologia indossabile unita alla facilità d’uso consente quindi ai pazienti di rimanere fedeli al programma riabilitativo e allo stesso tempo migliorare le proprie condizioni motorie, grazie alla possibilità di effettuare diversi tipi di allenamento, sempre sotto la supervisione dello specialista di fiducia”.

Quali altri servizi innovativi sta sviluppando?

“Oltre al Q-Walk, abbiamo sviluppato anche una piattaforma dove il fisioterapista può creare e pianificare un percorso riabilitativo taylor made su ogni singolo paziente, in questo momento, incentrato sull’utilizzo di Q-Walk. In più abbiamo creato un’App di interfaccia per il paziente, che consente di raccogliere dati durante l’utilizzo di Q-Walk. Stiamo inoltre sviluppando altri algoritmi per oggettivare quanto più possibile la riabilitazione, un sistema di videochiamata/videoconsulto, nonché alcune funzionalità molto importanti da aggiungere in App e in piattaforma. Questi sono i servizi su cui vogliamo costruire il nostro modello di tele-riabilitazione sempre al fianco dei pazienti”.

Dal suo osservatorio professionale, quali sono gli aspetti dell’attuale mondo della fisioterapia e della riabilitazione che devono essere migliorati con il supporto delle nuove tecnologie e anche dell’intelligenza artificiale, affinché possano essere sempre più vicine al paziente?

“Sicuramente gli aspetti che portano la riabilitazione al domicilio del paziente sono quelli più importanti, in quanto è lì che si deve costruire il vero percorso di cura, essendo il luogo in cui la persona vive. Tutti gli aspetti relativi al monitoraggio e all’engagement del paziente risultano quindi fondamentali non solo per oggettivare la riabilitazione e il percorso riabilitativo, ma per mantenere un rapporto più costante e continuativo, che possa essere di supporto sia per i pazienti, che per gli stessi caregiver”.

La fisioterapia riabilitativa del prossimo futuro sarà “consegnata” ai dispositivi tecnologici o le “mani” umane continueranno a essere indispensabili ancora per un po’?

“La fisioterapia del prossimo futuro non potrà che considerare l’avvento di nuovi strumenti tecnologici, dai wearable device, alla realtà aumentata, all’intelligenza artificiale etc… Per funzionare al meglio però, tali tecnologie devono essere presiedute dal fisioterapista, in quanto l’efficacia della riabilitazione e del percorso terapeutico deriva principalmente dalla capacità del professionista di definire il piano d’azione, sulla base delle necessità specifiche di ogni singola persona, unita all’accortezza e all’esperienza di saperlo adattare quanto più possibile alle nuove esigenze e ai nuovi obiettivi. Solo così si può parlare di fisioterapia e riabilitazione taylor made. In questo contesto, le nuove tecnologie risulteranno di notevole aiuto per il fisioterapista e il paziente”.

Lombardia economy - Riabilitazione Tech grazie a QuicklyPro

 

Leggi altri articoli: in Primo Piano – in Vetrina

Beatrice Elerdini

Giornalista, SEO Copywriter, Autrice tv e web e consulente di comunicazione

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche