• 20/10/2021

Terziario e obbligo di Green pass: l’82% delle imprese milanesi pronto per l’avvio

 Terziario e obbligo di Green pass: l’82% delle imprese milanesi pronto per l’avvio

Marco Barbieri, segretario generale Confcommercio Milano

Ma le imprese di commercio, turismo e servizi registrano criticità e complicazioni organizzative nei controlli in entrata. Indagine Confcommercio

A Milano l’82% delle imprese del terziario è pienamente pronto per l’applicazione del Green pass nei luoghi di lavoro da domani venerdì 15 ottobre. E il 78% ritiene che non vi saranno particolari difficoltà. I dati, elaborati dall’Ufficio studi, emergono dall’indagine di Confcommercio Milano compiuta con la rete associativa di categoria e di via. In questa prima analisi sono state coinvolte imprese di servizi, dell’Ict, del dettaglio alimentare e non alimentare, importatori e filiali di case estere, alberghi, pubblici esercizi, aziende del commercio internazionale. Per il 43% si tratta di imprese fino a 9 dipendenti, il 27% fino a 19, il 14% fino a 49 dipendenti, il 16% oltre 49 dipendenti.

Le criticità maggiori riguardano: complicazioni organizzative nei controlli in entrata (41%) e il dover fare a meno di personale sprovvisto del Green pass (30%). Ma vi sono anche difficoltà di controllo continuativo per attività con più sedi sul territorio e dipendenti da soli in filiali e punti vendita. Non mancano, inoltre, problematicità per situazioni specifiche: come le imprese che lavorano a ciclo continuo H24 per le quali è difficile la verifica del Green pass di notte.

Nonostante difficoltà oggettive la grande maggioranza delle imprese del terziario è pronta all’applicazione da domani del Green Pass. Certo, non mancano le difficoltà – rileva Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio Milano alcuni problemi che si presentano sono significativi. In primis i controlli e la sostituzione del personale non vaccinato, soprattutto per le attività che lavorano a ciclo continuo. La priorità per tutte le imprese, però, è l’uscita definitiva dall’emergenza sanitaria e in questo senso il Green Pass è certamente uno strumento utile“.